Universe

Scuola finita, mezza primavera in arrivo, sembrerebbe il tempo giusto per produrre della musica. Ecco a voi l’ennesima permutazione di Universe, un testo di Carl Sagan estratto dall’introduzione di A brief history of time di Stephen Hawking (versione audiobook), che girovaga nei miei hard disc da un bel po’. La musica ha una genesi bizzarra: il loop di base (rallentato rispetto all’originale) è tratto da un video, e appartiene a un genere che non saprei come definire se non “techno pakistana”. Basso e (due) chitarre sono  suonati a mano, e nell’assolo (eh sì, anche i migliori di noi hanno delle debolezze, figuriamoci io) c’è una citazione di L’elefante bianco, brano strepitoso degli Area con un lick di chitarra impossibile, che ho speso parte della mia adolescenza a imparare, e che mi sembrava fatica sprecata non utilizzare (Grazie Paolo Tofani).

(per i guitar nerd: basso Fender P, ritmica Fender T (ampli valve Laney), assolo Epiphone Les Paul Custom passata in uno zoom G3X)

PS: “We go about our daily lives understanding almost nothing of the world. We give little thought to the machinery that generates the sun light that makes life possible, to the gravity that glues us to an Earth that would otherwise send us spinning off into space, or to the atoms of which we are made and on whose stability we fundamentally depend. Few of us spend much time wondering why nature is the way it is, where the cosmos came from, or whether it was always here; if time will one day flow backwards and effects precede causes, or whether there are ultimate limits to what humans can know. What is the smallest piece of matter; why we remember the past and not the future; how it is, if there was chaos early, that there is – apparently – order today, and why there is a universe.”

Comments are closed.