Patria e valigia

Bravo Silvio, ha ragione: le elezioni comunali sono un test nazionale, anche per me. Se rivince lui, allora vuol dire che:

• Gli italiani pensano che la magistratura sia un cancro.

• Agli italiani le sue barzellette fanno proprio ridere.

• Gli italiani pensano che sia il governo nazionale che le varie amministrazioni comunali abbiano fatto bene e vadano riconfermati.

• In particolare a Milano, i miei concittadini ritengono Letizia Moratti una persona seria e corretta, nonché un buon sindaco.

Poi però, se rivince lui (e lei, e loro), bisogna che noi ci facciamo i conti con questa storia e, una volta raggiunte le (per me già) ovvie conclusioni, ci regoliamo di conseguenza. La mia patria è dove sta la mia valigia, altro che Giovanardi.

2 thoughts on “Patria e valigia

  1. C’è anche la possibilità che gli elettori possano trovare incompatibile con la loro visione l’altra parte e quindi turandosi il naso diano il voto alla Lety.
    Io sono praticamene anarco-capitalista e di dare il voto a chi vuole più stato non ci penso minimamente (e neache a chi fa il liberale per finta, mi alza le tasse e si intromette nella mia camera da letto)

  2. CVD.

    Purtroppo, in particolare da Milano (e da milanese), temo che alla valigia non ci sia alternativa. Ma anche senza troppo rancore, via.